I trucchi che devi assolutamente conoscere per preparare un panettone fatto in casa coi fiocchi!

Il natale è ormai alle porte, anche se dando un’occhiata alle temperature non si direbbe proprio! Per chi ama questa festa, cosa c’è di meglio di preparare un bel panettone fatto in casa?

Allora ci sono alcune cose che non dovreste mai fare se volete ottenere dei risultati: ecco quali.

Consigli per un perfetto panettone fatto in casa

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

Mai esagerare con la farina

La farina è praticamente la parte più importante del panettone. 

Se senza dubbio è importante che sia di qualità, a determinare la buona riuscita è anche la sua forza.

Come si conosce la forza della farina? È il numeretto stampato sulla confezione: non deve essere troppo forte, o verrà ostacolata la corretta fermentazione degli amidi attivata dalla presenza degli zuccheri.

La farina ideale? Deve avere una forza tra 280-320 W.

Il lievito: non troppo né troppo poco

Troppo lievito porta uno sviluppo anticipato dell’impasto: il risultato sarà una pasta leggera e con tempi di fermentazione brevi, ma che asciugano in fretta e diventano subito duri.

Per contro, usare poco lievito, allunga a dismisura i tempi di lievitazione, cosa che in inverno può essere un grosso problema visto che il panettone va mantenuto a una temperatura costante di 28 gradi (difficile quindi se si arriva a sera con il panettone che deve ancora terminare il riposo per la lievitazione).

La quantità ideale per 1 kg di farina va da un minimo di 180/200 grammi a un massimo di 500 grammi per chilo di farina.

Sale prima dello zucchero: sbagliato!

Una delle prime cose che si imparano quando si è alle prese con la preparazione dei dolci, è l’ordine con cui si aggiungono gli ingredienti.

Se questa regola aurea conta per i dolci in generale, per il panettone da aurea diventa ferrea.

Il sale non va mai messo nell’impasto prima dello zucchero, poiché il sale ha forza specifica molto superiore a quella dello zucchero, e va messo solo dopo nell’impasto.

Quindi prima mettete lo zucchero, e solo dopo il sale.

Attenti alla cottura

Finalmente siamo alla cottura: anche qui bisogna stare attenti!

La cottura del panettone deve avere tempi che vanno seguiti rigorosamente, senza sforare neanche di un minuto.

Un panettone da 1 kg va cotto a 175°C per un massimo di 52 minuti: non un minuto di più.

Lascia un commento