Sapevi che il burro non è un formaggio? 10 cose che non sai sul burro

Tra gli ingredienti fondamentali per preparare i dolci, il burro si trova, però, anche in tantissime ricette salate. Esistono diverse curiosità in merito al burro che non tutti conoscono. In molti non sanno, ad esempio, che può essere preparato a casa, o che può essere anche congelato. Il burro è uno dei prodotti più utilizzati in cucina, apprezzato per il suo sapore e la sua versatilità. È composto principalmente da grassi del latte e viene utilizzato per arricchire molti piatti, sia dolci che salati. Secondo la legge italiana, possiamo parlare di burro se c’è almeno l’80% di grassi e un massimo di 15-18% di acqua. Non tutti sanno, inoltre, che si può fare in casa, o che ne esistono diverse tipologie. Vediamo, allora, 10 curiosità sul burro che forse non sapete e che dovreste invece conoscere.

Il burro è adatto ai vegani?

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

No, perché è un prodotto lattiero ed è prodotto da derivati animali. E non è neanche un formaggio. Per legge, il burro è infatti il prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte di vacca, oppure dal siero di latte di vacca, o dalla miscela dei due. Per la nostra legge si definisce “burro tradizionale” solo il prodotto ottenuto direttamente dal latte o dalla crema di latte o panna e quindi non dal siero.

Che cosa è il burro chiarificato

Il burro chiarificato è un prodotto perfettamente realizzabile a casa che si ottiene dopo una lavorazione che lo depura dalla caseina ed elimina l’acqua, riducendolo alla sola sostanza grassa. In questa forma è adatto a fritture anche prolungate ad alta temperatura e si conserva in frigorifero per alcuni mesi.

Come faccio il burro in casa

Solitamente lo compriamo confezionato al supermercato, ma realizzare il burro in casa è semplice ed economico. Occorre utilizzare panna fresca, fredda di frigo, e possibilmente raffreddare tanto la ciotola quanto le fruste adoperate per questa preparazione. Una volta ottenuto il burro potete modellarlo a vostro piacimento ed eventualmente aromatizzarlo con erbe fresche.

Come faccio a pesare il burro senza bilancia

Normalmente sulle confezioni del burro ci sono delle piccole tacche che indicano un peso di 25g. In caso non ci siano neanche quelle, bastano un cucchiaio oppure un cucchiaino: il primo contiene circa 10-15 g di burro ammorbidito, mentre il secondo ne contiene circa 5 g.

Come faccio a sostituire il burro

In alcune ricette si può sostituire con l’olio, oppure con la margarina, ma esistono anche altri ingredienti da utilizzare al posto del burro, che spaziano dal latte di soia alla ricotta, e ricette totalmente reimpostate con ingredienti diversi e particolari, come per i bomboloni con patate dolci.

Come sciogliere il burro

Per sciogliere il burro si può usare il microonde o una pentola sul fuoco. Nel primo caso basta tagliare il burro a pezzetti e metterlo in una ciotola adatta al microonde; poi impostare la potenza al minimo e farlo andare per qualche secondo alla volta controllando la consistenza. Nel secondo caso basta mettere il burro a pezzetti in una pentola antiaderente e farlo sciogliere a fuoco basso mescolando di tanto in tanto.

Qual è il burro migliore

Non esiste una risposta univoca a questa domanda, perché il burro migliore dipende dai gusti personali e dall’uso che se ne vuole fare. In generale, però, si può dire che il burro migliore è quello che ha una buona qualità della materia prima, cioè il latte o la panna da cui deriva. Il latte o la panna devono essere freschi e provenire da animali sani e alimentati in modo naturale. Inoltre, il burro migliore è quello che ha una lavorazione artigianale e non industriale, che ne preserva il sapore e le proprietà nutritive.

Il burro può stare fuori dal frigo?

Il burro è un alimento molto delicato e facilmente deperibile, quindi è consigliabile conservarlo sempre in frigorifero. Tuttavia, se si vuole avere il burro morbido e spalmabile, si può lasciarlo fuori dal frigo per qualche ora prima di usarlo. In questo caso, però, bisogna fare attenzione a non esporlo a fonti di calore o a temperature troppo elevate, che potrebbero farlo irrancidire o alterare il suo sapore.

Posso congelare il burro?

Sì, il burro si può congelare senza problemi. Basta avvolgerlo bene nella carta stagnola o in un sacchetto per alimenti e metterlo nel freezer. Il burro congelato si conserva per diversi mesi senza perdere le sue qualità. Per scongelarlo basta lasciarlo in frigorifero per qualche ora o a temperatura ambiente se si ha fretta.

Posso usare burro scaduto?

Il burro ha una data di scadenza indicata sulla confezione che va rispettata per evitare rischi per la salute. Tuttavia, se il burro è stato conservato bene in frigorifero o in freezer, potrebbe essere ancora buono anche dopo la data di scadenza. Per accertarsene bisogna controllare l’aspetto, l’odore e il sapore del burro: se non presenta muffe, macchie o odori sgradevoli e ha ancora un sapore gradevole, si può usare senza problemi. Altrimenti è meglio buttarlo via.

Lascia un commento