Ecco come scegliere il pesce fresco al banco per preparare piatti sempre deliziosi e sani!

Il pesce è in generale un alimento che può essere pericoloso per la nostra salute: può capitare infatti che un pesce non molto fresco, specialmente se mangiato crudo, causi una mal riuscita del piatto, oppure problemi lievi o più gravi di salute.

Ciò può essere facilmente evitato seguendo alcuni trucchi quando si sceglie il pesce da acquistare: vediamoli insieme!

Gli indicatori per un pesce sicuramente fresco

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

Occhi, squame e branchie

Gli occhi sono la prima cosa che denota un pesce fresco: neri, brillanti e con la cornea trasparente. Se gli occhi del pesce che state per acquistare si presentano così, allora è fresco senza dubbio.

Le branchie sono di colore rosso vivace e prive di muco, mentre la pelle deve essere di colore vivo e, se è presente del muco, esso deve essere trasparente ed acquoso.

Infine, le squame del pesce, se fresco, devono essere ben attaccate alla pelle.

Attenti ad odori e colori

Il pesce fresco in trancio è difficile da giudicare seguendo i consigli di cui sopra, quindi tendenzialmente andrebbero preferiti quelli interi proprio perché potremo attuare i nostri piccoli test di freschezza.

Ad ogni modo, se proprio volete comprare il pesce fresco in trancio, gli indicatori più attendibili sono l’odore, che deve essere buono, e la consistenza, che deve essere soda e non molliccia.

Se parliamo invece di pesci interi, devono avere un’odore fresco e pulito se di acqua dolce, mentre di salsedine se sono di acqua salata.

Per i molluschi, che devono essere ancora rigorosamente vivi, le chele devono essere intatte e la corazza anche, dovrebbero avere un colore vivo ed essere piuttosto pesanti.

Per le cozze e vongole, scartate quelle coi gusci rotti o aperti, mentre i gamberi devono essere quasi trasparenti: scartateli se sono tendenti al grigio o al verde.

Polpi e calamari devono essere bianchi e avere occhi brillanti e lucidi.

In generale, scartate il pesce fresco se appare di colore scuro o spento, oppure sul verdino, oppure ancora sbiadito (a seconda dei vari tipi di pesce), se presenta occhi spenti o cornea giallina, la pelle staccata o desquamata, oppure se emana un cattivo odore.

Lascia un commento