Forno statico o forno ventilato: conosci i criteri per scegliere quale usare?

Quando stai per cuocere qualcosa in forno, spesso ritorna un dilemma di questo tipo: imposto la cottura statica o ventilata? Ormai tutti i forni rendono possibile la scelta tra questi due tipi di cottura.

Essi differiscono in modalità di utilizzo e tempi di cottura, ma vediamo le differenze per capire quale dei due meglio si adatti alle nostre esigenze per poter decidere di conseguenza.

Le differenze tra forno statico e ventilato

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

Il funzionamento

Il forno ventilato cuoce in modo uniforme grazie al flusso d’aria che diffonde il calore in tutto il forno, mentre quello statico emana un flusso solo in una direzione (orizzontale o verticale) grazie a delle resistenze sulle pareti.

Generalmente possiamo dire che i due metodi di cottura differiscono di circa 20°C: 180°C nel forno statico equivalgono a 160°C in quello ventilato.

Il forno ventilato assicura una cottura più veloce, mentre il forno statico ha una cottura più lenta e delicata: tieni conto di queste caratteristiche quando ti accingerai a cuocere una pietanza.

Forno ventilato

Il forno ventilato è molto utile per cuocere più cibi contemporaneamente dato che il calore, come detto sopra, riesce a raggiungere ogni punto del forno.

Potremo dunque usare entrambi i ripiani, cosa che, ad esempio, può essere molto utile per cucinare insieme un secondo e un contorno, oppure due pizze insieme.

Privilegiamo il ripiano superiore se dobbiamo cuocere cibi cui si addice la formazione della crosticina croccante, come ad esempio la pasta al forno.

È molto comodo anche per dolci dal cuore morbido, in quanto c’è una cottura più rapida e il ripieno non viene asciugato.

Forno statico

L’uso del forno statico è consigliato quando viene preparato un piatto che deve essere ben asciutto all’interno, come ad esempio torte o lievitati, che vengono così aiutati a “crescere”.

Il forno statico, abbiamo detto, ha delle resistenze sulle pareti e non c’è flusso d’aria che muova il calore: ciò è l’ideale quando vogliamo cuocere torte, biscotti, meringhe e dolci di ogni tipo. 

Queste sono le principali differenze tra cottura statica e cottura ventilata: le conoscevi? Fammelo sapere con un commento!

Lascia un commento