Tonno in scatola: quali sono i marchi migliori secondo Altroconsumo?

Il tonno in scatola è un alimento molto apprezzato dagli italiani, che ne consumano circa 2,67 chili a testa all’anno. Si tratta di una soluzione pratica, sana e gustosa, che si presta a tante ricette sfiziose. Ma come scegliere il tonno in scatola migliore tra le tante varietà disponibili sul mercato? Quali sono i criteri da tenere in considerazione per valutare la qualità di questo prodotto?

Altroconsumo, l’associazione dei consumatori, ha realizzato un test comparativo su 24 marche di tonno in scatola, sia all’olio di oliva che all’olio extravergine di oliva, appartenenti ai principali marchi in vendita nella grande distribuzione. Lo scopo era di verificare la sicurezza al consumo, la qualità e le caratteristiche organolettiche del tonno in scatola, oltre alla completezza delle informazioni riportate sull’etichetta.

Cerchi delle ricette in cui utilizzare il tonno che acquisterai? Prova la pasta al tonno in bianco oppure la pasta tonno e zucchine.

I criteri della classifica

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

Il test ha preso in considerazione diversi aspetti, tra cui:

  • la freschezza della materia prima, valutata attraverso l’analisi del contenuto di istamina, una sostanza che si forma quando il pesce non viene conservato adeguatamente;
  • la quantità e la qualità dell’olio utilizzato per la conservazione, misurata attraverso l’analisi degli acidi grassi e dei parametri chimici;
  • la presenza di eventuali contaminanti, come i metalli pesanti (mercurio, cadmio e piombo), le diossine e i policlorobifenili (PCB), che possono essere dannosi per la salute se assunti in quantità eccessive;
  • le caratteristiche organolettiche del prodotto, cioè il suo odore, sapore e consistenza, giudicate da una commissione di esperti;
  • le informazioni riportate sull’etichetta, come la specie di tonno utilizzata, il metodo di pesca impiegato, l’origine del pesce e dell’olio, la data di scadenza e il peso netto.

In base ai risultati ottenuti, Altroconsumo ha assegnato a ciascun prodotto un punteggio da 0 a 100 e una valutazione qualitativa (ottima, buona, media o bassa).

La classifica dei migliori tonni in scatola secondo Altroconsumo

La classifica dei migliori tonni in scatola secondo Altroconsumo vede al primo posto il tonno a trancio intero della marca As do Mar, con un punteggio di 78 su 100 e una qualità ottima. Puoi acquistarlo anche su Amazon cliccando qui e si tratta di un prodotto che si distingue per la freschezza della materia prima, la quantità e la qualità dell’olio extravergine di oliva utilizzato per la conservazione, il sapore intenso e la consistenza soda del tonno. Inoltre, l’etichetta riporta tutte le informazioni necessarie per il consumatore.

Al secondo posto si piazza un altro prodotto della stessa marca, il tonno all’olio di oliva As do Mar, con un punteggio di 75 su 100 e una qualità ottima. Anche in questo caso puoi acquistarlo su Amazon cliccando qui, e si tratta di un tonno a trancio intero, conservato in olio di oliva di buona qualità e con un gusto gradevole. L’unica differenza rispetto al primo classificato è il prezzo più elevato.

Al terzo posto si colloca il tonno all’olio d’oliva della marca Selex, con un punteggio di 65 su 100 e una qualità buona. Questo tonno si presenta in pezzi piccoli e irregolari, ma ha una buona consistenza e un sapore delicato. L’olio di oliva usato per la conservazione è di qualità discreta e l’etichetta fornisce le informazioni essenziali. Il punto di forza di questo prodotto è il prezzo molto conveniente.

Al quarto posto troviamo il tonno all’olio di oliva della marca Callipo, con un punteggio di 64 su 100 e una qualità buona . Si tratta di un tonno a trancio intero, con una consistenza morbida e un sapore piacevole. L’olio di oliva usato per la conservazione è di buona qualità e l’etichetta riporta le informazioni principali. Il prezzo di questo prodotto è medio-alto.

Al quinto posto si classifica il tonno all’olio extravergine di oliva della marca Fratelli Carli, con un punteggio di 63 su 100 e una qualità buona . Questo tonno si presenta in pezzi grandi e compatti, con una consistenza soda e un sapore intenso. L’olio extravergine di oliva usato per la conservazione è di ottima qualità e l’etichetta fornisce tutte le informazioni necessarie. Il prezzo di questo prodotto è elevato.

A completare la top ten dei migliori tonni in scatola secondo Altroconsumo, ci sono:

  • Rio Mare, tonno all’olio di oliva pescato a canna, al sesto posto, con un punteggio di 62 su 100 e una qualità buona . Si tratta di un tonno a trancio intero, con una consistenza morbida e un sapore delicato. L’olio di oliva usato per la conservazione è di qualità discreta e l’etichetta riporta le informazioni principali. Il punto di forza di questo prodotto è il metodo di pesca a canna, che garantisce una maggiore sostenibilità ambientale.
  • Consorcio, tonno all’olio di oliva, al settimo posto, con un punteggio di 61 su 100 e una qualità buona . Si tratta di un tonno a trancio intero, con una consistenza soda e un sapore gradevole. L’olio di oliva usato per la conservazione è di qualità discreta e l’etichetta fornisce le informazioni essenziali. Il prezzo di questo prodotto è medio-basso.
  • Conad Piacersi Leggero, all’ottavo posto, con un punteggio di 60 su 100 e una qualità buona . Si tratta di un tonno in pezzi piccoli e irregolari, con una consistenza morbida e un sapore delicato. L’olio extravergine di oliva usato per la conservazione è di qualità discreta e l’etichetta riporta le informazioni principali. Il punto di forza di questo prodotto è il basso contenuto di sale, che lo rende adatto a chi segue una dieta iposodica.
  • Nostromo, al nono posto, con un punteggio di 59 su 100 e una qualità media . Si tratta di un tonno a trancio intero, con una consistenza morbida e un sapore delicato. L’olio extravergine di oliva usato per la conservazione è di qualità discreta e l’etichetta fornisce le informazioni principali. Il prezzo di questo prodotto è medio-alto.
  • Angelo Parodi, trancio di tonno in olio d’oliva, al decimo posto, con un punteggio di 58 su 100 e una qualità media . Si tratta di un tonno a trancio intero, con una consistenza soda e un sapore gradevole. L’olio di oliva usato per la conservazione è di qualità discreta e l’etichetta fornisce le informazioni essenziali. Il prezzo di questo prodotto è medio.

Gli altri prodotti testati da Altroconsumo si collocano tra il 11° e il 24° posto della classifica, con punteggi tra 57 e 54 su 100 e una qualità media . Si tratta di tonni in scatola di varie marche e tipologie, che presentano alcune differenze tra loro in termini di freschezza, quantità e qualità dell’olio, presenza di contaminanti, caratteristiche organolettiche e informazioni sull’etichetta. Tra questi prodotti spiccano quelli a basso impatto ambientale, come il tonno all’olio extravergine di oliva pescato a canna della marca Mareblu, al 13° posto, e il tonno all’olio extravergine di oliva del tonnetto striato della marca Petti, al 15° posto.

Come scegliere il tonno in scatola migliore

Dalla classifica di Altroconsumo emerge che il tonno in scatola venduto in Italia ha in generale una qualità media-alta, ma ci sono alcuni aspetti da tenere in considerazione per scegliere il prodotto migliore. Ecco alcuni consigli:

  • Preferire il tonno a trancio intero rispetto a quello in pezzi o sminuzzato, perché ha una consistenza più soda e un sapore più intenso.
  • Controllare l’etichetta per verificare la specie di tonno utilizzata, il metodo di pesca impiegato, l’origine del pesce e dell’olio, la data di scadenza e il peso netto. Scegliere il tonno di specie meno a rischio, come il tonnetto striato o l’alalunga, e quello pescato con metodi sostenibili, come la canna o la lenza.
  • Verificare la quantità e la qualità dell’olio utilizzato per la conservazione. Preferire l’olio extravergine di oliva rispetto a quello di oliva o di semi, perché ha un sapore più delicato e un maggior contenuto di antiossidanti. Evitare i prodotti con troppo olio rispetto al tonno, perché potrebbero nascondere una scarsa qualità del pesce.
  • Valutare il rapporto qualità-prezzo del prodotto. Non sempre i tonni più costosi sono i migliori, ma neanche quelli più economici. Confrontare i prezzi al chilo tra le diverse marche e scegliere quella che offre una buona qualità a un prezzo ragionevole.
  • Variare il consumo di tonno in scatola con quello di altri pesci azzurri freschi o surgelati, come le acciughe, le sardine o le alici. Questi pesci sono ricchi di proteine, omega-3 e minerali, ma hanno un minor impatto ambientale e un minor rischio di contaminazione da metalli pesanti rispetto al tonno.

Il tonno in scatola è un alimento versatile e nutriente, che può arricchire la nostra dieta con gusto e semplicità. Seguendo i consigli di Altroconsumo possiamo scegliere il prodotto migliore per noi e per l’ambiente.

Lascia un commento