L’olio al tartufo: tutto quello che devi sapere per valorizzare i tuoi piatti!

Negli ultimi anni, l’olio al tartufo è diventato uno degli ingredienti più apprezzati in cucina per il suo sapore e profumo intensi. Ma quando, dove e come si usa l’olio al tartufo? In questo articolo, vedremo come riconoscere un buon olio al tartufo e come utilizzarlo al meglio in cucina.

Come riconoscere un buon olio al tartufo: etichetta e percentuale di tartufo

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

Esistono diversi tipi di olio al tartufo, fatti sia con il tartufo bianco che nero. Contrariamente a ciò che si può pensare, non sempre un olio al tartufo bianco è superiore in qualità rispetto a uno al tartufo nero. È importante, quindi, tenere d’occhio l’etichetta dell’olio e controllare la percentuale di tartufo contenuta nella bottiglia: maggiore è la percentuale, migliore sarà la qualità dell’olio.

Esiste anche l’olio con il tartufo, che contiene scaglie di tartufo ben visibili e garantisce una qualità superiore. In ogni caso, è importante controllare sempre l’etichetta per verificare la reale percentuale di tartufo presente nell’olio.

Come usare l’olio al tartufo in cucina: idee per piatti profumati

Una volta scelto il nostro olio al tartufo preferito, passiamo a come utilizzarlo in cucina. L’olio al tartufo bianco ha un gusto più avvolgente e va utilizzato crudo. È perfetto per esaltare il sapore di piatti come il filetto ai porcini, la tartare di manzo e il pesce, come il baccalà. Inoltre, l’abbinamento tra uova e tartufo è un grande classico, che dona il meglio di sé proprio in questa unione.

L’olio al tartufo nero, invece, si sposa alla perfezione con la pasta fresca, come le tagliatelle ai funghi, ma in generale con tutti i primi piatti. Va aggiunto sui fornelli accesi, ma solo alla fine e con cautela, poiché basta anche poco per rovinare il piatto. È meglio, quindi, aggiungere un goccio alla volta e assaggiare il piatto per regolarne la quantità.

Conclusioni

L’olio al tartufo è un ingrediente versatile e apprezzato in cucina, ma è importante scegliere un prodotto di qualità e utilizzarlo con attenzione. Seguendo i nostri consigli, potrete sperimentare ricette e sapori nuovi grazie all’utilizzo dell’olio al tartufo migliore!

Lascia un commento