Ragù dei poverelli: un piatto povero ed economico, ma super ricco di sapore!

Il ragù dei poverelli è una di quelle ricette disponibili in diverse varianti, un po’ a rappresentare la diplomazia del ragù che si presenta sotto molteplici sfaccettature per accontentare anche le classi meno abbienti, e questo ragù dei poveri ha davvero fatto centro.

Nella lista degli ingredienti non figura nessun tipo di carne, considerata troppo costosa nei tempi addietro, e al suo posto viene utilizzato un ingrediente che non ti aspetteresti mai.

Pasta al ragù di frutta secca

Pasta al ragù dei poverelli

Il ragù dei poverelli è una rivisitazione del ragù classico, senza alcun ingrediente di origine animale e quindi adatto anche agli ospiti vegani. Una ricetta semplice e saporitissima, ma anche diversa dal solito!
Preparazione 10 minuti
Cottura 30 minuti
Tempo totale 40 minuti
Portata Portata principale
Cucina Italiana
Porzioni 4 persone
Calorie 320 kcal

Ingredienti
  

  • 1 l salsa di pomodoro
  • 150 g noci
  • 150 g pistacchi o altra frutta secca a piacere
  • 2 cucchiai concentrato di pomodoro
  • Olio EVO
  • Aglio
  • Sale e pepe q.b.

Istruzioni
 

  • Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!
  • Versare dell’abbondante olio in una padella, dividere a metà uno spicchio d’aglio e togliere l’anima, quindi farlo dorare per qualche minuto a fiamma media prima di aggiungere la frutta secca tritata grossolanamente.
  • Non deve trattarsi di granella polverosa in quanto l’aspetto deve rassomigliare per quanto possibile quello della carne macinata. Basterà usare un bicchiere e rompere i pezzi di frutta secca oppure usare un matterello.
  • Lasciar cuocere in padella fino a quando non saranno stati rilasciati gli oli della frutta, quindi aggiungere il pomodoro, il concentrato, aggiustare di sale e continuare la cottura per 30 minuti così da far amalgamare alla perfezione i vari ingredienti.
  • Se a un certo punto la salsa sembra troppo densa e non è ancora giunta a fine cottura, aggiungere un bicchiere d’acqua e abbassare del tutto la fiamma. Ciò darà tutto il tempo necessario alla salsa di continuare la sua preparazione. Al termine aggiungere del basilico, mescolare per l’ultima volta e servire!

Note

Con questa ricetta conquisterai anche i tuoi amici vegani in quanto non c’è traccia di nessun ingrediente di origine animale e proporrai qualcosa di diverso dal solito. Il ragù dei poveri si presta facilmente a cambiamenti a seconda del tuo gusto personale: potrai cambiare tipologia di frutta secca e utilizzare quella di tuo gradimento, oppure optare per il consumo di tutto ciò che è avanzato nel tuo frigorifero. Anche la salsa può essere sostituita con dei pomodorini (consigliamo quelli del Piennolo perché sono più succosi). Insomma, questo piatto è da provare almeno una volta nella vita perché fa parte della storia della cucina italiana anche se non è conosciuto al pari di altri piatti.

2 commenti su “Ragù dei poverelli: un piatto povero ed economico, ma super ricco di sapore!”

    • 150 grammi di noci costano più di 1/2 kg di carne per un ragù normale? C’è scritto che è una versione economica del classico ragù, non che il piatto può essere preparato con 50 centesimi! Il secondo tipo di frutta secca, invece, è lasciato a scelta proprio per far decidere a chi lo prepara quanti soldi spendere.

      Rispondi

Lascia un commento

Voti degli utenti