Tre metodi infallibili per sbucciare velocemente una melagrana

La melagrana è un frutto delizioso e ricco di antiossidanti, ma sbucciarla può essere una sfida. La buccia è spessa e coriacea, e i semi sono nascosti in una polpa bianca e amara. Se non si ha la tecnica giusta, si rischia di sprecare tempo, fare casino e rovinare il frutto. Per fortuna, ci sono alcuni metodi semplici e veloci per sbucciare una melagrana senza fatica. Vediamoli insieme.

Metodo 1: Il coltello e il cucchiaio

Questo metodo richiede solo un coltello affilato e un cucchiaio di legno o di metallo. Ecco i passaggi da seguire:

  • Lavare bene la melagrana e asciugarla con un panno.
  • Tagliare la calotta superiore della melagrana, dove si trova il picciolo, e metterla da parte.
  • Incidere la buccia della melagrana in quattro o sei spicchi, senza tagliare fino in fondo.
  • Aprire delicatamente la melagrana con le mani, separando gli spicchi.
  • Tenere uno spicchio sopra una ciotola e battere la buccia con il cucchiaio, facendo cadere i semi nella ciotola. Ripetere con gli altri spicchi.
  • Eliminare eventuali residui di polpa bianca dalla ciotola e sciacquare i semi sotto l’acqua corrente.
  • Godersi la melagrana o conservarla in frigorifero in un contenitore ermetico.

Questo metodo è facile e veloce, ma bisogna fare attenzione a non tagliare i semi con il coltello, altrimenti si rischia di far uscire il succo e macchiare i vestiti.

Metodo 2: Il taglio a griglia

Questo metodo richiede solo un coltello affilato e una ciotola capiente. Ecco i passaggi da seguire:

  • Lavare bene la melagrana e asciugarla con un panno.
  • Tagliare la calotta superiore della melagrana, dove si trova il picciolo, e metterla da parte.
  • Tagliare la buccia della melagrana in senso orizzontale e verticale, formando una griglia di quadrati. Non tagliare troppo in profondità, ma solo la buccia.
  • Tenere la melagrana sopra una ciotola e rompere delicatamente i quadrati di buccia con le mani, facendo uscire i semi nella ciotola. Aiutarsi con il coltello se necessario.
  • Eliminare eventuali residui di polpa bianca dalla ciotola e sciacquare i semi sotto l’acqua corrente.
  • Godersi la melagrana o conservarla in frigorifero in un contenitore ermetico.

Questo metodo è efficace e pulito, ma bisogna fare attenzione a non tagliare troppo la buccia, altrimenti si rischia di danneggiare i semi e farli schizzare.

Metodo 3: L’immersione in acqua

Questo metodo richiede solo un coltello affilato, una ciotola capiente e dell’acqua. Ecco i passaggi da seguire:

  • Lavare bene la melagrana e asciugarla con un panno.
  • Tagliare la calotta superiore della melagrana, dove si trova il picciolo, e metterla da parte.
  • Incidere la buccia della melagrana in quattro o sei spicchi, senza tagliare fino in fondo.
  • Riempire una ciotola con dell’acqua fredda e immergere la melagrana nella ciotola.
  • Aprire delicatamente la melagrana con le mani, separando gli spicchi e staccando i semi dalla polpa bianca. I semi affonderanno sul fondo della ciotola, mentre la polpa bianca galleggerà in superficie.
  • Scolare l’acqua dalla ciotola e eliminare la polpa bianca. Sciacquare i semi sotto l’acqua corrente.
  • Godersi la melagrana o conservarla in frigorifero in un contenitore ermetico.

Questo metodo è il più semplice e il meno disordinato, ma richiede un po’ più di tempo rispetto agli altri due. Inoltre, bisogna fare attenzione a non rompere i semi con le unghie, altrimenti si rischia di far uscire il succo e colorare l’acqua.

Conclusione

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

La melagrana è un frutto gustoso e salutare, ma sbucciarla può essere un’impresa. Con questi tre metodi, però, potrai sbucciare una melagrana in pochi minuti e senza sprecare nulla. Prova il metodo che preferisci e buon appetito!

Lascia un commento