Tutto ciò che devi sapere per pulire e mantenere pulita la cappa della cucina!

La cappa della cucina è un elettrodomestico molto utile per eliminare i vapori e gli odori che si formano durante la cottura dei cibi, ma anche per mantenere l’aria pulita e ridurre l’umidità. Tuttavia, per garantire il suo corretto funzionamento e la sua durata nel tempo, è necessario pulirla periodicamente e con i metodi e i prodotti adatti. In questo articolo vedremo come pulire la cappa della cucina in modo efficace e semplice, seguendo alcuni consigli e trucchi.

Pulizia della cappa: perché è importante?

La cappa della cucina può essere di due tipi: aspirante o filtrante. La cappa aspirante preleva l’aria da sopra il piano cottura e la espelle verso l’esterno tramite un condotto. La cappa filtrante, invece, oltre a aspirare l’aria, la filtra tramite dei filtri antigrasso e anti-odore, che trattenono le molecole organiche responsabili degli sgradevoli odori di cottura.

In entrambi i casi, la cappa è esposta a depositi di grasso, polvere e calcare, che possono compromettere la sua capacità di aspirazione e filtraggio, oltre che favorire la proliferazione di germi e batteri. Per questo motivo, è importante pulire la cappa almeno una volta al mese, o più spesso se si cucina molto o si frigge. In questo modo, si evitano guasti, si risparmia energia e si migliora la qualità dell’aria in cucina.

Pulizia della cappa: metodi e prodotti

Per pulire la cappa della cucina, bisogna seguire alcuni accorgimenti sia per le superfici esterne, sia per le parti interne, come i filtri e il motore. Vediamo quali sono i metodi e i prodotti più adatti per ogni parte della cappa.

Pulizia delle superfici esterne

Le superfici esterne della cappa possono essere in acciaio o in vetro, e richiedono una pulizia delicata per non rovinarle. Prima di iniziare, è bene staccare la corrente elettrica dal quadro elettrico, per evitare rischi di folgorazione. Poi, si può procedere con la pulizia usando un panno morbido o una spugnetta non abrasiva e un detergente liquido neutro, come il sapone di Marsiglia o l’aceto. Basta strofinare con cura ogni lato della cappa, risciacquare e poi asciugare con un panno pulito. Per sgrassare più a fondo, si può far bollire in una pentola una soluzione di acqua e aceto e passarla sulla cappa con una spugnetta. Per rendere la cappa lucida, si può usare qualche goccia di limone o di olio di oliva.

Pulizia delle parti interne

Le parti interne della cappa sono quelle che richiedono più attenzione, in quanto sono le più esposte allo sporco e al grasso. Si tratta dei filtri, del motore e del condotto. Vediamo come pulirli in modo efficace.

Pulizia dei filtri

I filtri della cappa sono degli elementi fondamentali per il filtraggio dell’aria e la rimozione degli odori. Possono essere di due tipi: metallici o in carbonio. I filtri metallici sono lavabili e riutilizzabili, mentre quelli in carbonio sono usa e getta e vanno sostituiti periodicamente.

Per pulire i filtri metallici, bisogna rimuoverli dalla cappa e immergerli in una bacinella di acqua calda e aceto o in una soluzione di acqua e detersivo per piatti. Si lasciano in ammollo per 10 minuti e poi si strofinano con una spugnetta o una spazzola. Si risciacquano e si asciugano bene prima di rimetterli nella cappa. Se i filtri sono molto sporchi, si può usare il bicarbonato di sodio o il limone per sgrassarli meglio.

Per sostituire i filtri in carbonio, bisogna seguire le istruzioni del produttore della cappa. In generale, si consiglia di cambiare i filtri ogni 3 o 6 mesi, a seconda dell’uso della cappa.

Pulizia del motore

Il motore della cappa è la parte che permette l’aspirazione dell’aria e il suo movimento. Per pulirlo, bisogna smontarlo dalla cappa e pulirlo con un panno umido e un detergente neutro. Si può usare anche un aspirapolvere per rimuovere la polvere e il grasso. Si asciuga bene il motore e si rimonta nella cappa.

Pulizia del condotto

Il condotto della cappa è il tubo che collega la cappa all’esterno e che permette l’espulsione dell’aria. Per pulirlo, bisogna staccare il tubo dalla cappa e pulirlo con un panno umido e un detergente neutro. Si può usare anche un aspirapolvere per rimuovere la polvere e il grasso. Si asciuga bene il tubo e si ricollega alla cappa.

Pulizia della cappa: trucchi e consigli

Per mantenere la cappa della cucina sempre pulita ed efficiente, ci sono alcuni trucchi e consigli da seguire. Ecco i principali:

  • Pulire almeno superficialmente la cappa dopo ogni uso, o almeno una volta alla settimana, per evitare che lo sporco e il grasso si accumulino e diventino difficili da rimuovere.
  • Usare prodotti naturali e non aggressivi, come l’aceto, il limone, il bicarbonato di sodio e il sapone di Marsiglia, che non danneggiano le superfici e sono ecologici.
  • Non usare spugne o panni abrasivi, che possono graffiare le superfici e rovinare la cappa.
  • Non usare prodotti chimici o corrosivi, che possono danneggiare le parti interne della cappa e causare problemi di funzionamento.
  • Controllare periodicamente lo stato dei filtri e sostituirli quando sono troppo sporchi o consumati.
  • Non evitare di accendere la cappa per non sporcarla, ma usarla sempre quando si cucina, per migliorare la qualità dell’aria e prevenire l’umidità.

Seguendo questi semplici passaggi, si potrà pulire e mantenere pulita la cappa della cucina in modo facile e veloce, garantendo il suo funzionamento e la sua durata nel tempo.

Lascia un commento