Sciogliere il burro non è banale come sembra! Benedetta Rossi ci svela il metodo giusto per ogni ricetta!

Sono tantissime le ricette che necessitano l’utilizzo del burro e spesso scioglierlo o ammorbidirlo può risultare un compito banale e sottovalutato. In realtà, ogni preparazione ha bisogno di burro in formati diversi, e quindi è necessario utilizzare metodi diversi per scioglierlo.

Come si utilizza il burro?

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

Secondo la famosa food blogger Benedetta Rossi, ad esempio, per la pasta frolla il burro deve essere freddo di frigo, per i ciambelloni è meglio a temperatura ambiente, mentre per ottenere dei biscotti morbidi è meglio utilizzarlo leggermente ammorbidito.

Quali sono quindi i metodi migliori per ammorbidire il burro? Ecco i 5 metodi che ci propone Benedetta!

Come ammorbidire il burro secondo Benedetta Rossi

1. A temperatura ambiente 

Questo è il metodo più intuitivo: tagliare il burro a fette e lasciarlo a temperatura ambiente per circa 10-20 minuti, coprendolo con un coperchio o con della carta stagnola per evitare che si possa poggiare sopra della polvere.

Per procedere in questa maniera, bisogna anticiparsi in modo da non dover aspettare poi il tempo necessario durante la preparazione della ricetta in questione. Prima di iniziare a cucinare, quindi, bisogna ricordarsi di preparare il burro, in modo da averlo pronto per quando serve.

Ma come si può fare se si dimentica questa operazione e ci si trova con l’urgenza di avere il burro morbido?

2. In microonde

Tagliare il burro in pezzi più piccoli e metterlo in un contenitore adatto al microonde (evitare quindi, ovviamente, materiali metallici).

Inserire ora il contenitore nel microonde e impostare alla massima potenza, avviando per una decina di secondi. Ripetere il procedimento, controllando ogni dieci secondi la consistenza del burro, fino a che non avrà quella desiderata.

3. Tecnica della grattugia

Questa è sicuramente una tecnica meno conosciuta, ma comunque molto efficace.

Consiste nel grattugiare il burro dalla parte della grattugia con i fori più grandi, come faremmo col formaggio. Il trucco sta nell’utilizzare il burro freddo, molto più facile da grattugiare rispetto a quello a temperatura ambiente.

4. Bagnomaria

Mettere dell’acqua in un pentolino a fiamma media ed aspettare che arrivi quasi a bollore, per poi abbassare la fiamma: non bisogna portarla a ebollizione. A questo punto, posizionare sulla pentola una ciotola in vetro o metallo, ed inserire il burro al suo interno. 

Lasciare in quella posizione finché il burro non avrà raggiunto la consistenza desiderata.

5. Tecnica del mattarello

Un’altra tecnica meno conosciuta è quella del mattarello: posizionare il burro tra due fogli di carta forno, colpendolo per qualche volta con il mattarello in modo da schiacciarlo leggermente. Successivamente, stenderlo come fosse un impasto, in modo da aumentare la superficie esposta all’aria.

Una volta ottenuta una sfoglia di circa 1cm di spessore, rimuovere il foglio di carta forno superiore ed attendere che si ammorbidisca.

E tu conosci altri trucchi per ammorbidire o sciogliere il burro? Fammelo sapere con un commento!

Lascia un commento