Le alternative ai pinoli nel pesto di basilico economiche e diverse dal solito che devi assolutamente provare

Il pesto di basilico è una delle salse più famose e apprezzate della cucina italiana, originaria della Liguria. Si prepara pestando in un mortaio (se non ce l’hai, puoi acquistarne uno su Amazon cliccando qui), o frullando foglie di basilico fresco con aglio, olio extravergine di oliva, sale, parmigiano reggiano e pinoli. Questi ultimi sono dei semi oleosi che conferiscono al pesto una consistenza cremosa e un sapore delicato.

Tuttavia, i pinoli sono anche abbastanza costosi e a volte difficili da reperire. Inoltre, alcune persone possono essere allergiche ai pinoli o semplicemente non gradirli. Per questi motivi, esistono diverse alternative ai pinoli che si possono usare per preparare il pesto di basilico, senza rinunciare al gusto e alla qualità.

Le mandorle

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

Le mandorle sono una delle alternative più comuni e facili da trovare ai pinoli. Hanno una consistenza simile e un sapore relativamente neutro, che si sposa bene con il basilico e il parmigiano. Le mandorle vanno tostate leggermente prima di essere frullate, per esaltarne l’aroma e renderle più croccanti. Si possono usare sia intere che pelate, a seconda delle preferenze.

Le noci

Le noci sono un’altra opzione valida per sostituire i pinoli nel pesto di basilico. Hanno un contenuto grasso elevato e una consistenza morbida, che rendono il pesto cremoso e nutriente. Le noci hanno però un sapore più intenso e amarognolo dei pinoli, quindi vanno usate con moderazione e bilanciate con il basilico e il formaggio. Anche le noci vanno tostate prima di essere frullate.

Cliccando qui puoi trovare la ricetta completa della pasta al pesto di basilico con le noci, corri a provarla!

I pistacchi

I pistacchi sono una variante originale e gustosa per il pesto di basilico. Hanno un colore verde brillante che si abbina bene con quello del basilico e un sapore dolce e aromatico che contrasta con l’aglio e il parmigiano. I pistacchi vanno sgusciati e tostati prima di essere frullati. Si possono usare sia salati che non salati, a seconda del gusto personale.

Le nocciole

Le nocciole sono un’alternativa interessante ai pinoli nel pesto di basilico. Hanno una consistenza croccante e un sapore delicato e profumato, che si armonizza bene con il basilico e il formaggio. Le nocciole vanno tostate e pelate prima di essere frullate. Si possono usare sia intere che tritate grossolanamente, per dare più consistenza al pesto.

I semi di girasole

I semi di girasole sono un’alternativa economica e facile da reperire ai pinoli nel pesto di basilico. Hanno una consistenza oleosa e un sapore neutro, che non alterano il gusto del basilico e del parmigiano. I semi di girasole vanno tostati leggermente prima di essere frullati. Si possono usare sia salati che non salati, a seconda delle preferenze.

Conclusioni

Il pesto di basilico è una salsa deliziosa e versatile, che si può preparare anche senza pinoli. Esistono infatti diverse alternative ai pinoli che si possono usare per ottenere un pesto cremoso e saporito, come le mandorle, le noci, i pistacchi, le nocciole o i semi di girasole. Ognuna di queste alternative ha le sue caratteristiche di sapore, consistenza e colore, che si possono sperimentare a seconda dei gusti personali.

Lascia un commento