I mille usi della colla di pesce: scopriamo quali sono e l’alternativa VEGAN!

La colla di pesce è un preparato in fogli e, al contrario di quanto il nome possa far sembrare, viene prodotta utilizzando materiali di origine suina, come cotenna, ossa e cartilagine.

È molto utile per svariate ricette: dalla marmellata alle cheesecake, passando per panna cotta e semifreddi. Tutte quelle ricette che hanno bisogno di una certa consistenza, quasi ”gelatinosa”, che non può essere data dalla cottura o dagli ingredienti già presenti nella preparazione.

I fogli della colla di pesce sono essiccati e per questo vanno reidratati, immergendoli in acqua, o qualsiasi altro liquido presente nella ricetta.

Ecco il procedimento corretto.

Come usare la colla di pesce

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

Come scioglierla nel liquido

Per utilizzare la colla di pesce è necessario preparare una ciotola di acqua fredda (o una tazza, se la ricetta necessita di al più un paio di fogli), tagliare i fogli con delle forbici ed immergerli per circa 10 minuti.

Dopodiché, le modalità di utilizzo dei fogli di colla di pesce – che si saranno reidratati – saranno diverse a seconda del tipo di ricetta che andremo a preparare: si tratta di ricette calde o ricette fredde?

I procedimenti di utilizzo differiscono infatti tra loro.

Ricette calde

Se dovete usare la vostra colla di pesce in ricette “calde” – come la panna cotta – basterà scioglierla nel liquido scelto, che però dovrà essere scaldato (ma non reso bollente) versandolo poi direttamente nel composto che state preparando.

Ricette fredde

Se invece dovete usarla in ricette fredde dovrete scioglierla in liquido caldo, ma bisogna lasciarla freddare prima di utilizzarla, per poi aggiungerla alla crema fredda.

Mi raccomando: deve essere fredda, come anche la crema a cui la aggiungete, o lo shock termico potrebbe provocare dei grumi.

Con cosa sostituire la colla di pesce?

Se seguite una dieta vegan e non gradite la colla di pesce, potete sostituirla con l’agar agar: è un preparato ottenuto da un’alga rossa, che funge da addensante naturale, molto usato da chi segue una dieta vegan o vegetariana.

E’ possibile trovare l’agar agar sotto diverse forme: in fiocchi, in barrette, ed in polvere. Contiene pochissime calorie e si scioglie molto più velocemente della colla di pesce. Puoi acquistarlo anche su amazon, cliccando qui!

La proporzione da rispettare è la seguente: 1 cucchiaino di agar agar corrisponde a circa 2 g di colla di pesce.

Voi cosa preferite? La colla di pesce o l’agar agar? Con quale dei due addensanti vi trovate meglio? Fatemelo sapere con un commento.

Lascia un commento