Il vino rosso fa bene o male al corpo? Ecco la risposta definitiva: non berne più di…

Il vino rosso è una bevanda alcolica tipica dell’area mediterranea, ottenuta per fermentazione del mosto d’uva nera. Il vino rosso è famoso per le sue proprietà organolettiche, che variano notevolmente a seconda del tipo di vino, e per le sue caratteristiche nutrizionali. Contenendo alcol etilico, il vino rosso non può essere considerato una vera e propria bevanda “salutare”; d’altro canto, grazie alla presenza di antiossidanti fenolici, mostra alcuni vantaggi per la salute. Ma quali sono i benefici e i rischi del consumo di vino rosso? Scopriamolo insieme.

I benefici del vino rosso

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

Uno dei composti più noti associati al consumo di vino rosso è il resveratrolo, il quale è stato oggetto di numerosi studi scientifici. Questo fenolo non flavonoide possiede proprietà metaboliche antiossidanti, antibatteriche, antimicotiche, antitumorali, antinfiammatorie e di fluidificazione del sangue. Il consumo moderato di vino rosso potrebbe ridurre l’incidenza di ictus coagulo-correlato fino al 50%. Il resveratrolo sembra anche avere effetti protettivi sul cervello, riducendo il declino cognitivo associato alla malattia di Alzheimer.

Un altro gruppo di molecole presenti nel vino rosso, chiamate saponine, possono contrastare l’eccesso di colesterolo nel sangue legandosi al colesterolo nell’intestino, riducendone l’assorbimento. Una ricerca ha osservato che i topi nutriti con estratto di vino rosso hanno mostrato un minor accumulo di grassi nel fegato e livelli glicemici inferiori rispetto ai topi nutriti solo con una dieta ricca di grassi.

Altri benefici del vino rosso sono dovuti alla presenza di altre sostanze come l’acido ellagico, che può aiutare a prevenire l’obesità e il diabete, e i polifenoli, che possono migliorare la salute della pelle e dei capelli.

I rischi del vino rosso

Nonostante i benefici elencati sopra, il consumo di vino rosso non è privo di rischi. Innanzitutto, bisogna ricordare che il vino rosso contiene alcol etilico, una sostanza tossica per l’organismo che può causare danni a vari organi e sistemi. L’alcol può provocare dipendenza fisica e psicologica, alterazioni del comportamento e della percezione, danni al fegato (cirrosi), al pancreas (pancreatite), al cervello (encefalopatia), al cuore (cardiomiopatia), allo stomaco (gastrite), all’intestino (colite), alla gola (faringite), alla bocca (caries) e all’esofago (esofagite).

Inoltre, l’alcol aumenta il rischio di alcuni tipi di cancro, come quello della bocca, della gola, dell’esofago, del fegato e del seno. L’alcol può anche interagire negativamente con alcuni farmaci o integratori alimentari, potenziandone o riducendone gli effetti.

Infine, il consumo eccessivo di vino rosso può portare a un aumento dell’apporto calorico e quindi a un possibile aumento di peso. Un bicchiere di vino rosso (125 ml) apporta circa 85 kcal, che possono variare a seconda del grado alcolico e del tipo di vino.

Quanto vino rosso si può bere?

Per godere dei benefici del vino rosso senza incorrere nei rischi, è importante moderare il consumo e seguire alcune raccomandazioni. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) suggerisce di non superare i 20-30 g di alcol al giorno per gli uomini e i 10-20 g al giorno per le donne. Questo equivale a circa 2-3 bicchieri di vino rosso al giorno per gli uomini e 1-2 bicchieri al giorno per le donne.

Inoltre, è consigliabile bere il vino rosso durante i pasti, per ridurre l’assorbimento dell’alcol e favorire la digestione. Si dovrebbe anche evitare di bere il vino rosso a stomaco vuoto, in caso di gravidanza, allattamento, patologie epatiche, renali o gastriche, assunzione di farmaci o integratori, guida di veicoli o utilizzo di macchinari pericolosi.

Conclusioni

Il vino rosso fa bene o male al corpo? La risposta definitiva è che dipende dalla quantità e dalla frequenza del consumo. Il vino rosso può offrire alcuni vantaggi per la salute grazie alla presenza di antiossidanti e altre sostanze benefiche, ma può anche causare danni se assunto in eccesso o in modo inappropriato. Per godere del vino rosso nel modo migliore, è importante seguire uno stile di vita sano e una dieta equilibrata, e consultare il proprio medico in caso di dubbi o problemi.

Lascia un commento