I consigli per preparare un’impepata di cozze napoletana gustosa e senza rischi!

L’estate non si decide a lasciarci, e quindi perché non organizzare un ultimo pranzo di pesce prima di accogliere le zuppe e polente che ci aspettano per i prossimi mesi?

In nostro soccorso arriva l’impepata di cozze, un piatto tipico della tradizione napoletana, semplice da preparare e gustosissimo.

Le cozze vengono semplicemente fatte aprire sul fuoco, e servite con una spolverata di pepe e il liquido rilasciato in cottura.

Il presupposto principale per un’impepata di cozze che riesca alla perfezione è, come sempre, la qualità degli ingredienti, ma ci sono altri trucchi e curiosità che devi assolutamente conoscere!

Trucchi per un’impepata di cozze perfetta

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

I tipi di cozze

Le cozze più famose sono quelle spagnole, pescate nell’oceano Atlantico, ma sono molto diffuse anche quelle del Mediterraneo, più grandi (lunghe fino a 10 cm) e che vivono attaccate agli scogli o sommerse.

Un’altra cozza molto pregiata è quella “pelosa”, chiamata così proprio pe via della peluria attaccata al guscio: queste sono molto piccole e hanno l’interno della conchiglia viola.

Per assicurarci che la cozza che acquistiamo sia di qualità, dobbiamo usare dei piccoli accorgimenti: tutte le cozze devono avere il loro marchio di identificazione e l’etichetta con la data di imballaggio, oltre all’etichetta riportante il termine di conservazione.

Devono infine assolutamente essere racchiuse in una retina.

Come pulirle

Verificate che le cozze siano tutte ben chiuse e col guscio integro: quelle semiaperte o col guscio rotto sono da buttare, poiché potrebbero essere avariate e causare gravi intossicazioni.

Se avete acquistato cozze da allevamento, la pulizia dovrebbe essere abbastanza veloce, mentre le cozze di scoglio, solitamente, presentano sulla superficie dei gusci dei parassiti che vanno eliminati con un coltellino.

Infine si procede all’eliminazione del bisso, ovvero la barbetta che tiene le cozze allo scoglio. 

Dopo aver effettuato queste operazioni, potete sciacquarle sotto acqua corrente, sfregandole con una spazzola di metallo. Una volta pulite, vanno consumate non oltre le 12 ore.

Ora che le vostre cozze sono pulite, potete procedere a cucinarle!

Come preparare l’impepata di cozze

Mettete le cozze in una padella ampia e coprirla con un coperchio, quindi fatele aprire le cozze a fuoco dolce e, quando saranno tutte aperte, scartate quelle ancora chiuse.

A questo punto, versate le cozze in un altro recipiente e filtrate il liquido che hanno rilasciato, quindi in un’altra padella fate rosolare uno spicchio d’aglio in poco olio.

Quando sarà dorato, aggiungete le cozze e il loro liquido, fatele cuocere per pochi minuti e poi spegnetele.

Ora non vi resta che condirle: una spolverata di abbondante pepe nero, qualche foglia tritata di prezzemolo, et voilà!

Servire la vostra impepata con crostoni di pane passati al forno e oliati.

Lascia un commento