Tutto quello che devi sapere sui fichi: proprietà, ricette e trucchi per la conservazione!

I fichi sono dei frutti deliziosi e versatili, che si possono consumare sia freschi che secchi, sia da soli che in abbinamento a formaggi, salumi, miele e noci. Ma quali sono le loro origini, le loro proprietà e i loro benefici? E come si possono utilizzare in cucina per preparare dei dolci golosi e originali? Scopriamolo insieme in questo articolo!

Origini e varietà dei fichi

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

I fichi sono i frutti del fico, una pianta originaria dell’Asia sudoccidentale e del Mediterraneo orientale, che appartiene alla famiglia delle Moraceae. Il fico è una delle prime piante coltivate dall’uomo e ha una lunga storia che si intreccia con le civiltà antiche. I fichi sono citati nella Bibbia, nel Corano, nell’Iliade e nell’Odissea, e sono simboli di fertilità, prosperità e saggezza.

I fichi hanno moltissime varietà, oltre 150, che si distinguono per le dimensioni e per i colori. I frutti possono essere verdi, marroni, viola e neri. Le varietà più apprezzate e commercializzate sono quelle verdi e nere. I fichi si dividono in due tipi: i primaticci e i veri. I primaticci si formano in autunno e maturano in primavera, mentre i veri si formano in primavera e si raccolgono in estate.

Proprietà e benefici dei fichi

I fichi sono frutti molto dolci e nutrienti, che forniscono circa 47 kcal per 100 grammi di prodotto fresco. L’acqua ne costituisce l’82% in peso, i carboidrati l’11%, le fibre il 2%, le proteine l’1% e i grassi lo 0,2%. I fichi sono ricchi di vitamine, in particolare di vitamina A, C, K e del gruppo B, e di sali minerali, come potassio, magnesio, calcio, ferro e zinco.

Tra i benefici dei fichi possiamo citare:

  • Hanno effetti lassativi grazie alle mucillagini che favoriscono il transito intestinale.
  • Aiutano ad assimilare i nutrienti grazie agli enzimi che facilitano la digestione.
  • Alleviano le infiammazioni grazie alle sostanze antiossidanti e antinfiammatorie.
  • Sono alleati delle ossa grazie al calcio e al fosforo che le rinforzano.
  • Regolano la pressione sanguigna grazie al potassio che contrasta il sodio.
  • Proteggono il cuore grazie ai flavonoidi che riducono il colesterolo cattivo.
  • Combattono l’anemia grazie al ferro che stimola la produzione di globuli rossi.

Ricette dolci con i fichi

I fichi sono ottimi da gustare al naturale o con un filo di miele o di cioccolato fondente. Ma si prestano anche a essere protagonisti di tante ricette dolci, sia semplici che elaborate. Eccone due idee da provare:

  • La crostata di fichi caramellati è un dolce preparato con una base di pasta frolla ripiena di composta di fichi caramellati con zucchero di canna e succo di limone. Per realizzarla occorrono farina, burro, zucchero, uovo, sale, fichi freschi, zucchero di canna e limone. Dopo aver preparato l’impasto della pasta frolla e averlo fatto riposare in frigo per 30 minuti, si cuociono i fichi tagliati a quarti con lo zucchero di canna e il succo di limone fino a ottenere una composta densa e caramellata. Si stende l’impasto su una teglia, si versa la composta di fichi sulla pasta frolla e si forma una griglia con la pasta avanzata. Si inforna la crostata in forno preriscaldato a 180°C per 25-30 minuti, fino a doratura. Si lascia raffreddare prima di servire.
  • Il tiramisù ai fichi è una variante golosa e originale del classico dolce al cucchiaio. Per prepararlo occorrono mascarpone, zucchero, uova, fichi freschi, miele, brioche e confettura di fichi. Dopo aver lavorato il mascarpone con lo zucchero fino a ottenere una crema liscia, si sbattono i tuorli con metà dello zucchero fino a renderli spumosi e si montano gli albumi a neve con l’altra metà dello zucchero. Si uniscono i tuorli al mascarpone e poi si incorporano delicatamente gli albumi, mescolando dal basso verso l’alto. Si lavano i fichi, si tagliano a pezzi e si cuociono in un pentolino con il miele fino a ottenere una salsa morbida e profumata. Si taglia la brioche a fette sottili e si spalmano con la confettura di fichi. Si dispongono le fette di brioche sul fondo di una pirofila o di quattro coppette monoporzione. Si bagnano le fette di brioche con la salsa di fichi, tenendone da parte un po’ per la decorazione finale. Si coprono le fette di brioche con uno strato di crema al mascarpone e si livella bene. Si ripete l’operazione fino ad esaurire gli ingredienti, terminando con uno strato di crema. Si decora la superficie del tiramisù con la salsa di fichi rimasta e qualche pezzetto di fico fresco. Si mette il tiramisù in frigo per almeno 2 ore prima di servire.

Conservazione dei fichi

I fichi sono frutti molto delicati, che maturano anche dopo la raccolta e tendono a deteriorarsi molto facilmente, specialmente se esposti al caldo e all’umidità. Se non consumati immediatamente, i fichi possono essere conservati in frigorifero nell’apposito scompartimento per la frutta, per 3-4 giorni. Si consiglia però di riporli all’interno di sacchetti per alimenti che, grazie ai micro-fori traspiranti, eliminano l’umidità in eccesso, conservando più a lungo la freschezza della frutta. I fichi possono essere anche congelati o essiccati per una conservazione più lunga. Per congelarli, bisogna scegliere i fichi migliori, quelli senza ammaccature e non troppo molli, lavarli delicatamente, sbucciarli e tagliarli come preferite, dopodiché adagiarli sopra una teglia o un piatto, coprirli con della pellicola e riporli in freezer per alcune ore. Non appena i fichi saranno completamente congelati, potrete riporli negli appositi sacchetti e conservarli in congelatore. Per essiccarli, invece, bisogna disporre i fichi freschi, già giunti a maturazione, su un vassoio rivestito di carta forno e coprirli con una retina per proteggerli dagli insetti. A questo punto lasciateli essiccare al sole per almeno una settimana (in caso di clima umido saranno necessari più giorni). Quando sarà terminato il periodo, sarà il momento di lasciarli dorare, passandoli in forno preriscaldato a 100°C per una decina di minuti (non prolungate troppo l’operazione, altrimenti i fichi risulteranno eccessivamente duri!). Anche i fichi secchi andranno poi conservarti all’interno di barattoli sterilizzati. Un altro modo per far durare a lungo i fichi freschi è quello di conservarli sottovuoto, preparando in casa delle gustose conserve da consumare durante tutto l’anno. Potete preparare la classica marmellata

1 commento su “Tutto quello che devi sapere sui fichi: proprietà, ricette e trucchi per la conservazione!”

Lascia un commento