Il maestro del ramen Tatsumoto Katsuya ci insegna come preparare questo famosissimo piatto giapponese!

Il ramen è la celebre zuppa giapponese oramai nota in tutto il globo, complice anche il dilagare della cultura orientale, che negli ultimi anni ha preso sempre più piede in occidente, dagli anime alla musica, dai film al cibo (la parte che ci interessa di più!).

Questa gustosa zuppa composta da noodles – tipici spaghetti giapponesi – tuffati in un brodo di carne o pesce, accompagnati da ulteriori pezzi di carne o pesce e a volte anche verdure.

Il maestro del ramen Tatsumoto Katsuya è stato intervistato dalla nota rubrica di cucina Il Cucchiaio d’Argento, e ha fornito importanti e preziosi tips per ottenere un ramen a regola d’arte.

Katsuya fa parte del centro culturale giapponese Tozai, un vero e proprio paradiso per tutti gli appassionati della cultura del Sol Levante, in cui si trova proprio di tutto, ovviamente a tema Japan: dai corsi di cucina a quelli di manga, fino ad arrivare proprio all’insegnamento della lingua.

I consigli di Tatsumoto Katsuya

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

Il brodo per il ramen

Il Maestro ha spiegato che non esiste un solo tipo di ramen: questo piatto, come dice il maestro, è la combinazione di diversi ingredienti che vanno inseriti in ricetta a seconda del sapore voluto del brodo.

Anche i topping sono il risultato di una attenta e matematica esaminazione del brodo che si è scelto di preparare. Una equazione perfetta in equilibrio tra i gusti.

Il maestro ha sottolineato come il brodo sia la base del ramen: pensate che nelle ricette tradizionali il brodo arriva a cuocere fino a ben 24 ore. Quello che invece ci propone il Maestro Katsuya cuoce un po’ meno, ovvero sei ore.

Indipendentemente dalla decisione del condimento, i brodi hanno tutti la stessa base: ossa di pollo, pancia di maiale, cipollotti, zenzero, aglio, cipolla, carota, ed infine dashi (si prepara lasciando in ammollo l’alga kombu e il katsoubushi, che sarebbe il pesce fermentato ed essiccato).

Due versioni di ramen consigliate da Tatsumoto Katsuya

1. Ramen di carne al gusto ‘miso’

Il miso è una salsa speciale che deriva dalla fermentazione dei fagioli, mentre come guarnizione vengono usati maiale e uova sode.

Per preparare il ramen di carne basterà cuocere 50g di trito di maiale in una padella nell’olio di sesamo. Prendere una ciotola e versarvi 250 ml del brodo base precedentemente preparato, aggiungere un cucchiaio di miso, un cucchiaio di Tobajan, la carne e mescolare, quindi versare i noodles crudi.

Infine, aggiungere il topping: 4 fettine di pollo passato in padella, 2 fettine di maiale chashu, un uovo sodo marinato, carne tritata e ripassata in padella con olio di sesamo, una fetta di roast-beef e mais precotto.

2. Ramen di verdure al gusto ‘shoyu’

Anche il ramen di verdure è una ricetta celebre: lo shoyu ramen è una delle versioni di ramen più conosciute, ed è anche noto come Tokyo Ramen, in onore della capitale del Giappone.

Per preparare il ramen di verdure, bisognerà creare una salsina in padella con 20ml di salsa di soia, 20ml di sakè, un quarto di cucchiaio di zucchero e un pizzico di sale.

Nella ciotola da portata, versare 270 ml di brodo, la salsa appena preparata e i noodles, mentre come topping va bene qualche carota lessa, broccoli, germogli di soia, cipollotto e mais. 

Hai mai provato il ramen? Se proverai questi consigli, fammi sapere il risultato!

Lascia un commento