Versando l’acqua sul pollo crudo rischi grosso: ecco cosa succede se lo lavi prima di cuocerlo!

Il pollo è una carne bianca molto apprezzata per le sue proprietà nutrizionali e per la sua versatilità in cucina. Tuttavia, la cottura del pollo richiede alcune precauzioni per evitare il rischio di contaminazioni batteriche che possono avere effetti negativi sulla salute. In particolare, c’è un errore molto comune che molti commettono prima di cuocere il pollo: lavarlo sotto l’acqua corrente. In questo articolo vedremo perché questa pratica è sconsigliata e quali sono i consigli da seguire per una cottura sicura e gustosa del pollo.

Se cerchi delle ottime ricette a base di pollo, prova il pollo all’indiana con curry e acqua di cocco oppure il rollè di pollo.

Il pericolo del batterio Campylobacter

Prima di continuare, ti ricordo che trovi il gruppo Whatsapp cliccando qui per ricevere le notifiche delle mie ricette e il canale Telegram cliccando qui! Puoi anche seguirmi su instagram per non perdere nessun aggiornamento, cliccando qui!

Il motivo principale per cui non bisogna lavare il pollo prima di cuocerlo è la presenza di un batterio chiamato Campylobacter, che si trova spesso nella carne cruda di pollo e di altre carni. Questo batterio può causare infezioni intestinali che si manifestano con sintomi come diarrea, febbre, dolori addominali e vomito. In alcuni casi, le infezioni da Campylobacter possono avere conseguenze più gravi, come la sindrome di Guillain-Barré, una malattia neurologica che provoca debolezza muscolare e paralisi.

Come si diffonde il batterio Campylobacter

Il batterio Campylobacter si diffonde facilmente attraverso il contatto con la carne cruda o con i liquidi che fuoriescono da essa. Quando si lava il pollo sotto l’acqua corrente, si crea una sorta di aerosol che può trasportare il batterio su altre superfici della cucina, come il lavandino, il piano di lavoro, gli utensili, le mani o gli abiti. In questo modo, si aumenta il rischio di contaminare altri alimenti che vengono poi consumati crudi o poco cotti, come le insalate o le uova.

Come eliminare il batterio Campylobacter

L’unico modo per eliminare il batterio Campylobacter è cuocere il pollo a una temperatura adeguata, che deve raggiungere almeno i 75°C al centro della carne. Per verificare la cottura, si può usare un termometro da cucina o tagliare un pezzo di carne e controllare che sia bianco e succoso e non rosa e traslucido. Inoltre, bisogna evitare di usare lo stesso tagliere o lo stesso coltello per tagliare il pollo crudo e altri alimenti pronti da mangiare. Infine, bisogna lavarsi bene le mani con acqua e sapone dopo aver manipolato il pollo crudo e prima di toccare altri cibi.

Altri consigli per una cottura sicura e gustosa del pollo

Oltre a non lavare il pollo prima di cuocerlo, ci sono altri consigli utili per preparare un piatto sano e appetitoso con questa carne bianca. Ecco alcuni esempi:

  • Scongelare il pollo in frigorifero o nel microonde e non a temperatura ambiente, per evitare la crescita dei batteri.
  • Marinare il pollo in una ciotola coperta in frigorifero e non sul piano di lavoro, per insaporirlo senza rovinarlo.
  • Scartare la marinata usata per il pollo crudo e non riutilizzarla per condire la carne cotta o altri alimenti.
  • Cuocere il pollo in forno, in padella, alla griglia o al vapore, evitando le cotture troppo prolungate o troppo brevi che possono alterarne la consistenza o la sicurezza.

Lascia un commento